Ultima modifica: 14 Settembre 2021

Mercoledì 15 Settembre alle 8.00, la campanella suonerà per gli studenti dell’I.P.S Cabrini e darà l’avvio al nuovo anno scolastico.

Mercoledì 15 Settembre alle 8.00, la campanella suonerà per gli studenti dell’I.P.S Cabrini e darà l’avvio al nuovo anno scolastico.

E’ scattato il countdown per gli studenti dell’Istituto Professionale Cabrini di Taranto. Il primo giorno di scuola in presenza è sempre più vicino e la parola che accumuna tutti è una sola “ansia”. I primi a sedersi fra i banchi saranno gli alunni delle classi quarte e quinte, per loro la campanella suonerà mercoledì 15 settembre alle ore 8:00, gli alunni delle classi seconde e terze invece faranno il loro ingresso in aula alle ore 8:30, per gli alunni delle prime classi l’appuntamento con i docenti è stato fissato alle 9.30. Per un ritorno in classe in sicurezza è bene ricordare che resta una responsabilità delle famiglie controllare lo stato di salute dei figli prima di mandarli a scuola.

Prima dell’inizio dell’anno verrà chiesto alle famiglie di firmare un’autocertificazione in cui si impegnano a tenere a casa i figli nel caso in cui abbiano una temperatura di 37,5 o superiore o altri sintomi legati al Covid-19. Intanto, in vista del ritorno a scuola, l’attuale andamento dei contagi e la campagna vaccinale fanno ben sperare in un recupero di una quanto più vicina normalità e serenità. La speranza è che la campanella porti con se il suono del mondo “di prima” – fatto di relazioni e di quotidianità – e il suono del poi, anzi, dell’ “attraverso”. Del periodo che abbiamo attraversato, ritrovandoci più fragili, ma consapevoli di come sia prezioso il dono della vita. Ritrovandoci smarriti, ma desiderosi di aiutarci. Ritrovandoci impauriti, ma capaci di una nuova solidarietà, di uno sguardo rinnovato, più fraterno, appena sopra la mascherina. Coniugare questo suono antico con il suono nuovo sarà la vera sfida educativa per questo anno “straordinario”.

Unire cautela e speranza, attenzione per una emergenza sanitaria ancora virulenta ma al contempo riaprire le ali verso un tuffo coraggioso nella vita, questo il compito, non facile, che spetta a tutti gli insegnanti che sono già a lavoro dal primo di settembre, per le prime riunioni e la pianificazione delle attività didattiche, in attesa del ritorno a scuola degli studenti.

La speranza, forte, è che la didattica a distanza sia solo un ricordo del passato e che non abbia più ragion d’essere nel 2021/2022.

Vediamo di seguito l’elenco delle festività e dei ponti fissato per il 2021/22:

il 1° novembre, festa di tutti i Santi;

l’8 dicembre, Immacolata Concezione;

il 25 dicembre, Natale;

il 26 dicembre;

il 1° gennaio, Capodanno;

il 6 gennaio, Epifania;

il giorno di lunedì dopo Pasqua;

il 25 aprile, anniversario della Liberazione;

il 1° maggio, festa del lavoro;

il 2 giugno, festa nazionale della Repubblica;

la festa del Santo Patrono.